il libero arbitrio

agosto 29th, 2018 § 0 comments § permalink

Soli, da qualche parte nell’universo, padre e figlio osservavano il Creato dalla terrazza che sovrasta ogni cosa, nella parte più alta del Regno dei Cieli.
Miliardi di stelle, di pianeti, di soli e lune, che fluttuavano nel vuoto e nel gelo da milioni e milioni di anni.
Ogni volta che saliva lì sopra, al Figlio di Dio venivano gli occhi lucidi. Era ancora capace di meravigliarsi, nonostante più di duemila anni fossero passati da… da quel momento.
Per suo padre, invece, la cosa era diversa: la meraviglia aveva da tempo immemore lasciato il posto alla disperazione più terribile, più dilaniante, per gli esseri umani, per le sue creature. Pensava continuamente a ognuna delle singole azioni che avevano compiuto, che compivano quotidianamente. Non riusciva a smettere di pensare al loro folle impeto di autodistruzione, alla loro continua corsa verso la perdita di quello che li rendeva davvero umani. Sembrava quasi che ad un certo punto della loro storia avessero deciso che no, non ne valeva più la pena, che era meglio dimenticare gli insegnamenti del libro che aveva presuntuosamente scritto e sopravvivere alla giornata.
Come sempre lo sguardo dei due, nel modo in cui solo il loro sguardo poteva fare, si focalizzò sul nostro mondo e poi si spostò su quella strana sporgenza a forma di stivale, nel mare che gli umani avevano chiamato Mediterraneo.
Videro una nave, poi un’altra e un’altra ancora, piena di poveracci, di disgraziati, di gente che fuggiva da guerre, da atrocità, dalla miseria o dalla tirannia.
Videro un uomo grasso, una persona che era stata scelta per rappresentare il paese, che parlava di chiusure, di respingimenti, che diceva chiaramente che quei poveri uomini, lì, non avrebbero trovato asilo.
“Padre”, disse il Figlio di Dio, “è da tanto tempo che vorrei chiederti una cosa, ma non vorrei certo recarti offesa.”
“Parla, figlio mio.”
“Perché… perché hai dato loro il libero arbitrio?”
Il Creatore fece una pausa.
“Sai come direbbero loro, figlio mio?
Che ho fatto una cazzata.”

ponti

agosto 18th, 2018 § 0 comments § permalink

Quanto invidio la forza di queste persone. Quanto la ammiro.
La forza di essere presenti ad un funerale dopo aver perso la famiglia o gli amici più cari, di ascoltare un uomo anziano con un cappello buffo che racconta di un regno dei cieli in cui ora le persone perse saranno felici, in cui vivranno per sempre.
La forza di non alzarsi a prendere a sberle quell’uomo col cappello buffo, di non urlargli con tutto il fiato del mondo “Non dire stronzate!”, nonostante la propria parte razionale, sotto sotto, stia fremendo come un animale in gabbia.
E il desiderio forte, bruciante, dilaniante, di crederci davvero, nonostante il dolore straziante o forse proprio grazie a quello, nonostante la morte nel cuore e nell’anima, nonostante la casa che non c’è più, nonostante una vita da ricominciare.